Nell’ambito di MFA, il primo premio italiano dedicato al settore delle flotte aziendali organizzato da un gruppo editoriale, Renault Kadjar è eletto miglior veicolo per quadri e middle management e Renault Espace miglior veicolo per direttori e dirigenti.
Il 10 novembre scorso, nell’ambito della serata organizzata per la consegna dei MissionFleetAwards, Renault Kadjar nella versione Intens 1.5 dCI 110cv EDC è stato eletto miglior veicolo per i quadri e il middle management, mentre Renault Espace, nella versione Intens 1.6 dCI 160 cv, è stato premiato come il miglior veicolo per direttori e dirigenti.

La giuria di MFA, composta da fleet manager, rappresentanti di aziende del settore e stampa automotive, ha voluto premiare il meglio del settore del Fleet management, mettendo in competizione i più importanti operatori del settore ed i migliori Fleet Manager delle aziende.

RENAULT KADJAR
Renault Kadjar si colloca nel mondo dei crossover del segmento C con un design che evoca dinamismo, robustezza ed avventura. La plancia orientata verso il conducente e la qualità dei materiali utilizzati esaltano il piacere di guida. Erede di un DNA che gli garantisce robustezza e lo rende adatto anche a percorsi off-road, Renault Kadjar esprime il suo carattere avventuroso anche grazie alle sue linee. A completare il design, i dettagli e gli interni si presentano raffinati ed eleganti.
Come gli altri crossover della gamma Renault, Kadjar non rinuncia alla praticità di una station wagon, grazie al sistema Easy Break che consente di ripiegare i sedili posteriori ed il sedile passeggero in posizione tavolino. Un’ottima abitabilità, unita alla praticità di comodi vani porta oggetti e un vano bagagli con un volume di carico massimo tra i migliori della categoria. Inoltre, i sistemi di assistenza alla guida, come l’Easy Park Assist, la Telecamera in retromarcia, il Riconoscimento della segnaletica con allerta superamento del limite, oltre al nuovo Tablet multimediale connesso Renault R-Link 2, rendono la guida in città piacevole, serena e rassicurante, come all’interno di una berlina.

RENAULT ESPACE
Renault Espace è il grande crossover che si colloca nel segmento D. Il profilo fluido e robusto, l’altezza contenuta e la nuova firma luminosa conferiscono ad Espace il carattere determinato di un grande crossover. L’abitacolo presenta tutte le caratteristiche di una cabina di pilotaggio. La consolle centrale sembra galleggiare tra il conducente e il passeggero ed accoglie una leva del cambio automatico che evoca, a sua volta, un comando avveniristico e stilizzato dell’aviazione. Anche il disegno della plancia si ispira al mondo dell’aeronautica, in particolare alla sezione dell’ala di un aereo. Su strada, Renault Espace si distingue per le sensazioni di guida e di vita a bordo personalizzabili. Il sistema Multi-Sense® coordina le tecnologie a bordo adattando l’auto alle preferenze del conducente e dei passeggeri, grazie anche all’ampia scelta di varianti cromatiche per l’abitacolo, alla possibilità di selezionare massaggi per i sedili anteriori e alle cinque modalità di guida che ne esaltano la vita a bordo e il piacere di guida. Numerosi i sistemi di assistenza alla guida presenti su Renault Espace, tra cui il Regolatore di velocità adattivo, il Riconoscimento della segnaletica stradale con allerta superamento del limite di velocità, l’Avviso distanza di sicurezza e l’Easy park assist.
Renault Espace beneficia di un comportamento stradale unico, grazie all’associazione del telaio 4 Control® (4 ruote sterzanti) al controllo delle sospensioni che ne riducono notevolmente l’angolo di sterzata, portandolo al top della categoria, e ne esaltano il piacere di guida tenendo la vettura incollata all’asfalto in curva.
Pur essendo un grande crossover, Renault Espace è agile e dinamico, ma conserva tuttavia la praticità di fruizione, la modularità e la comodità delle sedute tipiche di un’auto familiare. Il vano bagagli ha un volume generoso e, grazie alla funzione “One Touch”, è possibile far scomparire i sedili con un innovativo e tecnologico sistema per gestire la modularità interna.